Cm 138 x 118, olio su tela
All’età di dieci anni frequenta lo studio del pittore italo americano Emilio Conti posando per lui.      Alla partenza di questi, venendo a mancare qualsiasi contatto con la pittura, entra come apprendista in una bottega di falegnameria.    E’ nel corso di questa attività che il suo interesse per la pittura si risveglia, tanto da spingerlo ad iscriversi, diciassettenne, al liceo artistico di Bologna dove si diploma, frequentando contemporaneamente la scuola libera di nudo diretta da Virgilio Guidi.     A quei tempi risale il sodalizio con Alberto Sughi, suo concittadino, con il quale si reca a Torino per un periodo di lavoro.       Esaurita l’esperienza torinese con esiti negativi, Cappelli assieme a Sughi e a Luciano Caldari si reca a Roma dove intrattiene rapporti di amicizia con gli artisti del “Portonaccio” soprattutto con Vespignani e Muccini.       Dopo due anni trascorsi nella capitale si reca a Milano dove, grazie all’aiuto di Giovanni Fumagalli, ottiene nel 1953 la sua prima mostra personale allestita presso la Galleria Bergamini.        Sia l’esito più che positivo della mostra, sia il clima artistico della città, spingono Cappelli a trasferirsi definitivamente a Milano dove morirà nel 1994.
 

"Figura sdraiata" - GIOVANNI CAPPELLI (Cesena, 1923 – Milano 1994)

SKU: 0120
€ 10.800,00Prezzo